Vivere di scrittura: un sogno che si può realizzare

Come trasformare la propria passione per la scrittura in una professione

Come ho scritto spesso in molti miei articoli dedicati alle migliori strategie per scoprire e coltivare i propri talenti, fare della propria passione una professione è possibile. Ciascuno di noi ha delle potenzialità e dei doni particolari, unici, che rappresentano il nostro “tesoro” interiore. Quando parliamo di “realizzazione personale” possiamo, sicuramente, identificarla con questo tipo di espressione creativa.

Nelle mie ricerche, all’interno dei #percorsialfemminile che strutturo e sviluppo, ho dato ampio spazio a tutte quelle donne che hanno avuto la costanza e la determinazione di credere nel proprio sogno ed impegnarsi per realizzarlo. Quella che leggerete qui di seguito è la fantastica storia di Marzia Tomasin, titolare del sito periscritto.it.

Uno spaccato di vita, di scelte e di sincronicità incredibili, che hanno decretato il suo successo. Leggiamo ciò che scrive per ispirarci.

marzia-tomasin“Se dieci anni fa mi avessero detto che sarei diventata una ghostwriter non ci avrei creduto e mi sarei fatta una risata. Invece è andata proprio così e oggi sono qui a raccontare la mia storia.

Sin da piccolina ho sempre avuto una grande passione per la scrittura. Scrivevo per me stessa storielle, racconti, poesie e questo mi faceva stare bene. Non ho mai pensato però alla scrittura come mestiere infatti, all’università, ho studiato giurisprudenza, con la convinzione che “da grande” sarei diventata un avvocato. Il tempo mi scorreva tra le dita ed io soffrivo perché mi sentivo invischiata in un percorso che avevo idealizzato, pensando che fosse il più adatto a me mentre così non era.

Poi le cose sono di colpo cambiate. Un giorno, per caso, un articolo che avevo scritto è arrivato al direttore di un giornale della mia città. Ci siamo incontrati, piaciuti ed è nata una collaborazione che  si è consolidata nel tempo e che, dopo quattro anni, mi ha portato all’iscrizione all’albo dei Giornalisti Pubblicisti del Friuli Venezia Giulia. Sono stata felice in quel periodo, mi sentivo libera e soprattutto ero soddisfatta di me stessa e di quello che stavo facendo. Poi però è arrivata la crisi economica che ha colpito pesantemente il settore dell’editoria. Il giornale ha chiuso ed io mi sono ritrovata senza un lavoro e senza speranza dal momento che tutti i tentativi che facevo cercando di ricollocarmi nel settore andavano male.

Il momento più difficile però è stato quando ho cominciato a lasciarmi andare alla sconforto. Mi sono rassegnata. Ho permesso che quello che sentivo dire dai colleghi che si trovavano nella mia stessa situazione mi influenzasse, accettando con passività la situazione. Niente di più sbagliato. Che potevo fare a quel punto? Mollare tutto e cambiare completamente strada, così avrei anche smesso di soffrire. Ho seguito diversi corsi per riqualificarmi e avviare una attività in un campo che non aveva nulla a che fare con la scrittura. Ad un tratto però ho conosciuto una persona che mi ha cambiato la vita, un consulente di marketing digitale che si chiama Giulio Gaudiano.

Mi sono rivolta a lui perché mi aiutasse con la nuova attività ma lui ha capito che stavo sbagliando strada. É riuscito a leggere dentro di me, a cogliere la mia passione per la scrittura mai sopita ed a farmi trovare la giusta motivazione per guardare al futuro da un nuovo punto di vista. Il settore dell’editoria tradizionale era sì in crisi ma questo non era certo un valido motivo per rinunciare. Con il suo aiuto ho scoperto le opportunità che offrono l’editoria digitale e le professioni della scrittura online e ho trovato la mia strada.

Oggi sono una ghostwriter e digital copywriter. Scrivo libri, ebook e contenuti digitali avanzati nel settore del web marketing e del business online. Sul mio sito web www.periscritto.it si possono trovare anche tutti gli altri servizi di supporto agli autori che offro, come per esempio la consulenza editoriale, la formattazione del testo o il tutoraggio.

Che cosa mi ha insegnato tutto questo? Che il cambiamento è sempre possibile ma dipende esclusivamente da noi.

Non voglio essere banale dicendo che tutti i sogni si possono realizzare, che volere è potere o che ogni favola ha il suo lieto fine. Io mi riferisco alla necessità di prendere consapevolezza di ciò che si è, delle proprie capacità e della necessità di agire in prima persona affinché quello che vorremmo fare si trasformi in una realtà. Sono bandite le scuse, le lamentele, le autocommiserazioni. Il mantra “non ne vale la pena tanto non ci riuscirò mai” deve diventare “sono consapevole delle difficoltà ma farò di tutto e lavorerò con il massimo impegno per riuscirci”.

Se io non avessi imparato ad affrontare la vita in un modo diverso, molto probabilmente non sarei qui adesso. Io credo che molto spesso siamo noi il nostro limite più grande. Le paure, le insicurezze, le fragilità non devono essere considerate come degli ostacoli ma come delle opportunità da sfruttare. Ecco che il limite diventa una risorsa che va curata e nutrita per permetterci di andare oltre e di realizzare i nostri obiettivi. Personalmente penso che la prima cosa da fare sia quella di guardarsi dentro con tanta umiltà e che il lavoro, il sacrificio e il fatto di non sentirsi mai arrivati siano delle ottime basi sulle quali costruire il proprio futuro.

A proposito di cambiamento, da poche settimane Periscritto è anche un podcast, disponibile su iTunes e Spreaker, dove io racconto le storie di persone che hanno scritto un libro o un ebook e che, grazie a questo, sono riuscite a cambiare la propria vita, sia da un punto di vista personale che professionale. Spero che ascoltare le storie di chi ci è già passato possa aiutare tante persone in difficoltà a cambiare.”

Ringrazio Marzia Tomasin per averci raccontato la sua splendida esperienza dalla quale emerge che si, è proprio con la costanza, con l’impegno e una progettazione ben strutturata che possiamo trasformare i nostri talenti, ma anche le sfide, gli ostacoli che troviamo, in vere e proprie opportunità.

Invito i lettori e le lettrici a porre eventuali domande, se lo desiderano, e a lasciare un commento proprio qui, sotto l’articolo.

A tutti, buona Vita!

Vitiana Paola Montana per #percorsialfemminile

TUTTI I DIRITTI RISERVATI(C)